I Segreti del Suffragio 2017

facciata1 (3)

Fede, arte, musica e cultura dal 1618
dal 17 al 26 agosto (ore 21.15)
Chiesa del Suffragio – FANO

giovedì 17
Diplomazia Vaticana.
rel. Giovanni Tonucci

venerdì 18
L’arte della ceramica nella spezieria.
rel. Giuseppe Papagni, Luca Amadori
collab. Laura Serra

sabato 19
Le doti matrimoniali nel contado fanese.
Da un capitolo di Rita Foghetti.
rel. Marco Belogi, lett. Anna Rita Ioni

lunedì 21
I miti della vergine e della bilancia.
rel. Anna Manfredi

martedì 22
La medicina tradizionale cinese.
rel. Aldo Civitillo

mercoledì 23
Il pesce dell’adriatico cucinato “alla
marchigiana”. rel. Rolando Ramoscelli

giovedì 24
Babus-Babusin e Pacalos, gent sa la grasia.
con Filippo Tranquilli, alla fisarmonica Vanni.

venerdì 25
Il pesce:un capitolo nella storia
dell’alimentazione mediterranea.
rel. Lucia De Nicolò.

sabato 26
Orchestra da Camera S. Maria del Suffragio.
Concerto di chiusura manifestazione.
dir. Daniele Rossi

INGRESSO LIBERO

Concerto dedicato a Giordano Bruno Galli

Con il concerto dell’Orchestra da Camera S.Maria del Suffragio, si è conclusa l’edizione 2016 de “I segreti del Suffragio”.
Il Priore ed i Confratelli del Suffragio hanno voluto dedicare il concerto all’amico scomparso Giordano Bruno Galli, uomo di vasta cultura che per decenni ha onorato la Confraternita della sua collaborazione e fin dalle prime battute de “I segreti del Suffragio”, la sua serata fu sempre una “lectio magistralis” che ha affascinato un pubblico numeroso e attento.
Momento di grande emozione durante la serata è stato il ricordo della figlia e la proiezione di un filmato dell’architetto.

L’orchestra da camera S.M. del Suffragio diretta dal M° Daniele Rossi ha riscosso ampio consenso dal numeroso pubblico presente, con l’esecuzione di musiche di Vivaldi, Fiocco, Rachmaninoff, Grieg, Piazzola, Bacalov.

L’appuntamento con “I segreti del Suffragio” è per l’edizione 2017!

IMG_6714web

IMG_6683web

IMG_6552web

IMG_6637web

IMG_6653web

IMG_6666web

IMG_6669web

IMG_6633web

“Nit tuti in scirisciola”

Penultimo incontro della rassegna “I Segreti del Suffragio 2016″ dedicato al dialetto fanese con Filippo Tranquilli.
Nella serata dal titolo “Nit tuti in scirisciola” si è avventurato in vari percorsi dialettali, recitando poesie dei maggiori
autori fanesi quali Giacomo Gabbianelli, Alceo Sambuchi, Gilforte Battistelli, Cesare Selvelli, Elvio Grilli oltre a pezzi dello stesso Tranquilli
ed aneddoti fanesi tratti da “gent sa la grasia” di Gigin Sperandini.

IMG_6495

IMG_6510

IMG_6497

“Chi mi ha chiamato?”

Serata dedicata alla città di Pesaro al sesto appuntamento de “I segreti del Suffragio” con un interprete di eccezione: Carlo Pagnini.
L’incontro è iniziato con la proiezione di immagini storiche di Pesaro dell’Archivio Stroppa Nobili sulle note dell’ouverture Rossiniana “La gazza Ladra”. Grande consenso da parte del numeroso pubblico per Pagnini che ha interpretato il monologo “Chi mi ha chiamato?”, con prosa e poesie in italiano e dialetto.

IMG_6385web

Storia, paesaggio, spiritualità, dell’eremo di Montegiove…

Quinto appuntamento dell’edizione 2016 de “I segreti del Suffragio” dal titolo: “Storia, paesaggio, spiritualità, dell’eremo di Montegiove, nei ricordi giovanili di Maria Rita Foghetti.”

Il realtore di questa sera Marco Belogi, di professione medico internista, da anni e’ cultore di studi storici dell’arte, dell’architettura e di personaggi del nostro territorio.
Numerose le sue pubblicazioni tra le quali “Monte Giove un eremo camaldolese”, “Nostra Signora del Ponte Metauro”, “L’Eredita’ di Guido Nolfi”, “Santa Croce, un ospedale nella storia della città “, “Chiese della Diocesi Fanese”, “Il Tempietto di via dell’Abbazia a Fano”, Lavinia della Rovere”.
Dal mese di Agosto e’ presidente de Le Cento Città , prestigiosa associazione culturale marchigiana.

Dalle parole di Marco Belogi: “Il breve capitolo, scritto da Rita Foghetti nel 1996 , che conclude la ricerca storica da me scritta sull’eremo di Monte Giove,corre sul filo della memoria a ricordo del primo impatto che la scrittrice ha avuto con quell’inconfondibile monumento religioso che domina dall’alto della collina la città di Fano. Erano gli anni sessanta, anni in cui, trai bianchi figli di San Romualdo, vigeva la rigida regola della clausura scandita dal salterio e dal lavoro. Alle donne era permessa soltanto la chiesa. Null’altro. Melodie di canti gregoriani, profumi d’incenso, nenie di preghiere ritornano alla mente di Rita, con le figure inconfondibili di fra Mariano e Don Raffaele, in contrasto con il rumore dei mezzi meccanici di oggi, compresa la brutta antenna piantata nel cuore della selva cuore, che aveva profanato quell’area inviolata da secoli. Ora è tutto cambiato, l’eremita è nel cuore della città, con i suoi rumori ed affanni. E proprio qui sta il signum contraditionis che ha caratterizzato tutta la vita di Rita, e solo chi le e’ stato accanto ha potuto cogliere, data la sua imperturbabile riservatezza: moderna per certi versi,ma ferrea sui valori non negoziabili; aperta e colta insegnante, intransigente nella disciplina, nel rispetto delle regole e delle diversità.
Questo era Rita, legata più che mai a quelle tradizioni che non tramontano mai e che lasciano segni indelebili in spiriti liberi e sensibili come lei. Prima di andarsene ha voluto sapere se nel suo giardino erano fiorite le primule che aveva piantato lei stessa, le stesse che spontaneamente si aprivano ogni primavera nei prati di Monte Giove, luogo a lei molto caro che le ricordava la sua prima giovinezza.”

Letture di Laura Serra.

IMG_6175web

IMG_6213web

IMG_6164web

IMG_6200web

I misteriosi simboli dell’immortalità…

“I misteriosi simboli dell’immortalità: dall’Ultima Cena di Santa Maria al Metauro al Cenacolo di Leonardo, fino a Poussin” questo il titolo della conferenza di Anna Manfredi nella quarta serata de “I segreti del Suffragio 2016″. Confrontando l’ultima cena presente nella chiesetta di S. Maria al Metauro col capolavoro di Leonardo, ci si accorge subito delle differenze di rappresentazione dell’ambiente e della disposizione dei personaggi, ma anche della presenza, nel Cenacolo leonardesco di simboli e oggetti che rimandano ad un misterioso messaggio di immortalità ripreso poi, dopo qualche secolo, dal pittore Nicholas Poussin.

IMG_6141web

Dall’Egitto di Fano ai misteri delle tombe egizie.

Partendo dall’illustrazione delle caratteristiche della misteriosa zona chiamata “Egitto di Fano”, nel terzo appuntamento de “I segreti del Suffragio 2016, il relatore Aldo Civitillo si è proposto di rivelare i segreti contenuti in una inusuale sepoltura, rispetto alle tradizioni dell’antico Egitto, presente nella Valle dei Re: la tomba 55.

IMG_6133web

Alla scoperta delle tradizioni culinarie della nostra provincia.

Serata dedicata alla cucina al secondo appuntamento de “I segreti del Suffragio 2016″.

Relatore della serata Valentino Valentini che con ricette ed aneddoti ci ha accompagnato in un viaggio fatto di piatti della tradizione marchigiana.
Valentini, fanese che da anni si occupa della storia della gastronomia della nostra provincia,è dal 2006 presidente della Confraternita del Brodetto ed ha al suo attivo numerose pubblicazioni.

Nella seconda parte della serata si è assistito all’assegnazione di un premio speciale ad Umberto Gennari da parte della Confraternita. Il cuoco amatoriale fanese si è distinto come finalista dell’ultimo concorso cittadino “Chef in the City” dove ha voluto preparare tre piatti dedicati interamente a Fano, dalla “gallinella all’acqua pazza” realizzate per ricordare la Chiesa dei Piatlett alla tagliata marinata alla birra in onore del Carne-Vale fino all’antipasto di pesce con dadolata di verdure caramellare, calamari e sgombro con gazpacho e indivia dal titolo molto chiaro, “Un tuffo a Fano”.

IMG_6098

IMG_6120

IMG_6130

Inaugurata l’edizione 2016 de “I Segreti del Suffragio”

Lunedì 22 agosto ha preso il via l’edizione 2016 della manifestazione “I Segreti del Suffragio”.

La serata è iniziata con la restituzione al pubblico del “San Liborio”, una tela di autore ignoto del XVIII sec. dopo un periodo di importante restauro.
Il dipinto si presentava in pessimo stato di conservazione con la tela distaccata dal telaio in più punti ed evidenti cadute di colore. La superficie pittorica era oscurata dalle ossidazioni delle vernici e da depositi polverosi. L’opera è stata restaurata grazie all’azienda Saint Andrews s.p.a. e durante la serata il procuratore dell’azienda Carlo Orazietti è intervenuto a proposito.

La serata è proseguita con il saluto dell’Assessore alla Cultura del Comune di Fano Stefano Marchegiani che ha portato parole di consenso verso la manifestazione.

La prima conferenza di questa edizione è stata quella di Giuseppe Pagani in collaborazione di Laura Serra dal titolo “Fano, l’anno del diluvio 1524″.
“La previsione del diluvio che avrebbe riguardato l’intera Europa e il nostro territorio metaurense circa mezzo millennio fa”. L’annuncio profetico di un diluvio che ha coinvolto l’intera comunità fanese, è riferito anche dallo storico Pietro Maria Amiani.

La serata ha inoltre visto l’inaugurazione della mostra fotografica “Fano e la sua memoria storica 2” a cura di Stefano Bramucci, con stampe d’epoca, immagini inedite da lastra fotografica ed altre digitalizzate e restaurate con le moderne tecnologie, per un percorso nella Fano che fù.

La mostra è visitabile dal 22 al 31 agosto presso la Chiesa del Suffragio (h.21-23 ingresso libero).

IMG_1716

IMG_6088web

IMG_6093web

I segreti del Suffragio 2016

Fede, arte, musica e cultura dal 1618
dal 22 al 31 agosto (ore 21.15)
Chiesa del Suffragio – FANO

Programma

Restituzione al pubblico dell’opera
“San Liborio” di autore ignoto (sec. XVIII)
commissionato nob. fam. Zagarelli,
restauro Saint Andrews Spa.

Mostra Fotografica
Fano e la sua memoria storica 2.
Immagini edite ed inedite della città che fù.

a cura di Stefano Bramucci
(visitabili in orari e giorni della manifestazione)

lunedì 22
Fano, l’anno del diluvio 1524.
rel. Giuseppe Papagni collab. Laura Serra

martedì 23
Alla scoperta delle tradizioni culinarie della
nostra provincia. rel. Valentino Valentini.

mercoledì 24
Dall’egitto di Fano, ai misteri delle tombe
egizie. rel. Aldo Civitillo.

giovedì 25
I misteriosi simboli dell’immortalità: dalla
ultima cena in S.Maria del ponte Metauro
al cenacolo di Leonardo, fino a Poussin.
rel. Anna Manfredi

venerdì 26
Storia, paesaggio, spiritualità, dell’eremo
di Montegiove, nei ricordi giovanili di
Maria Rita Foghetti.
rel. Marco Belogi letture Sara Lucarelli
piano Luca Muratori foto Stefano Bramucci

lunedì 29
Chi mi ha chiamato? rel. Carlo Pagnini
foto storiche pesaresi: Archivio Stroppa Nobili

martedì 30
Nit tuti in scirisciola. rel. Filippo Tranquilli.
foto storiche fanesi: Stefano Bramucci

mercoledì 31
Orchestra da Camera S. Maria del Suffragio.
Concerto dedicato a Giordano Bruno Galli.
dir. Daniele Rossi

INGRESSO LIBERO

15