Il brigantaggio nelle nostre contrade. Terenzio Grossi e altre storie.

Il brigantaggio nella provincia metaurense dopo la restaurazione, richiama subito alla mente il nome di Terenzio Grossi e dei suoi compagni, che corrono le alti valli del Foglia, del Metauro e del Tarugo, nei primi anni dell’unità nazionale. Ma il brigantaggio è endemico ed è anche un mondo variegato, che può comprendere il doppio lavoro del contadino mezzadro, che di notte si annerisce il volto di fuliggine e con complici va a derubare una stalla due valli più in là oppure, più raramente, il bandito latitante attorno al quale si aggregano altri disperati e anche dei basisti e dei briganti di complemento.

Della banda Grossi e di altri briganti si é parlato nel sesto appuntamento de “I segreti del Suffragio 2020”, che ha avuto come relatore il  prof. Riccardo Paolo Uguccioni, presidente della società pesarese di studi storici.